Prestiti per protestati online

Spesso per chi è protestato è difficile avere accesso al credito: i problemi finanziari avuti in passato (qualunque ne sia stata la causa) possono potenzialmente chiudere ogni porta in questo senso. Nonostante questo, ci sono ancora delle possibilità, soprattutto se ci si rivolge ad internet e ai prestiti online. Andiamo a vedere tali opportunità e valutiamo chi ne può fare domanda e come.

Per chi è un lavoratore dipendente, i prestiti per protestati online sono facilmente richiedibili tramite la modalità della cessione del quinto dello stipendio. Questo finanziamento è spesso concesso dalle banche e dalle finanziarie anche a chi ha avuto problemi finanziari in passato, in virtù delle buone garanzie che porta con sé: ovvero stipendio e TFR. Ancora più agevole è l’ottenimento del finanziamento se la società presso cui si lavora è di grandi dimensioni, poiché essa è considerata più sicura rispetto ad una piccola impresa o ad un’impresa individuale.

Per chi è un lavoratore autonomo, invece, le strade si complicano e potrebbe essere alquanto difficile ottenere un prestito per protestati online. L’opzione del prestito cambializzato è da scartare, poiché il protesto si riferisce ad un mancato pagamento, in passato, proprio di una cambiale o di un assegno. Una strada percorribile può essere quella della fidejussione, ovvero una garanzia personale prestata da un terzo (di solito un familiare) che si impegna a rimborsare il prestito in caso di mancato pagamento da parte del debitore principale. In questo caso, ovviamente, il fidejussore non deve avere alcun problema di finanziamento e dovrebbe essere dipendente a tempo indeterminato.

Come abbiamo visto, alla fine, alcune soluzioni ci sono. Certo è che potrebbe non essere facile trovarle e che, prima ancora di partire alla ricerca del prestito ideale, bisognerebbe essere consci che si potrebbe ricevere più di un rifiuto. Nonostante questo non bisogna mollare, i prestiti per protestati online possono essere la carta vincente.